loading
  • Rivoluzionaria: Opel Ampera ha creato un nuovo segmento in Europa nel 2011
  • Concetto convincente: Opel Ampera eletta "Auto dell’Anno" nel 2012
  • Potente: l’unità elettrica da 110 kW (150 cv) sviluppa 370 Nm di coppia massima
  • Elegante e pratica: raffinata, dal look futuristico, con un abitacolo da quattro posti e la versatilità delle cinque porte

 

Buon decimo compleanno Ampera, pioniere delle elettriche Opel Rüsselsheim. "Se vogliamo raggiungere i futuri obiettivi climatici, la quota di veicoli elettrici deve aumentare considerevolmente", afferma il CEO di Opel, Michael Lohscheller. Di conseguenza, Opel avrà nove veicoli elettrificati (EV) sul mercato entro la fine di quest'anno, da Opel Corsa-e, Mokka-e, Zafira-e Life, Grandland X plug-in ibrido e la prossima generazione di Astra, a Combo-e Life e Cargo, Vivaro-e e Opel Movano-e per i veicoli commerciali leggeri. Entro il 2024, il marchio offrirà una variante elettrificata di ogni modello della gamma.

Tuttavia, Opel ha già dato il suo primo contributo all'aumento delle vendite di EV dieci anni fa, nel 2011. Con il lancio di Opel Ampera, la prima auto elettrica con una grande autonomia di un marchio europeo, Opel si è affermata come pioniere sulla strada verso la mobilità elettrica. La rivoluzionaria, elegante e pratica Opel Ampera è stata la prima vettura elettrica d'Europa a consentire una mobilità per "andare ovunque in qualsiasi momento". Quando è stata lanciata alla fine del 2011, Opel Ampera ha fondato un segmento completamente nuovo nel mercato automobilistico europeo.

Successo: Opel Ampera convince i media, entusiasma i clienti e vince il rally di Monte Carlo

La Opel Ampera ha ricevuto un’accoglienza entusiastica su tutta la linea. Più di 5.000 "e- pioneers" si sono dichiarati come potenziali clienti ancor prima che la vettura fosse in vendita.

I media rimasero ugualmente colpiti, una giuria di giornalisti internazionali di primo piano ha scelto Opel Ampera e il suo modello gemello Chevrolet Volt come vincitori del premio "European Car of The Year 2012". In un test a lungo termine iniziato lo stesso anno dal club automobilistico tedesco ADAC, Opel Ampera ha dimostrato la sua affidabilità percorrendo più di 200.000 km in otto anni.

Non ancora soddisfatta di popolarità e premi, Opel Ampera ha dimostrato la sua tempra anche nelle competizioni. Nel 2012, il veicolo elettrico dall’autonomia estesa di Opel (EREV) vinse il 13º Rally Internazionale di Monte Carlo per auto elettriche e sistemi di propulsione alternativi. La Opel Ampera vincitrice era guidata dalla leggenda del rally francese, Bernard Darniche e da Joseph Lambert e altre tre finirono nei primi dieci posti.

Ampera ha confermato Opel come leader dell'innovazione ed è subito diventata l'auto elettrica più venduta in Europa nel 2012, con 6.631 unità e circa il 21,0% di quota nel segmento delle autovetture elettriche europee. Il mercato principale per l'EREV è stato quello dei Paesi Bassi, seguito da Germania e Regno Unito. Dopo la fine della produzione nel 2015, le immatricolazioni totali di Opel Ampera sono risultate oltre 10.000.

Propulsione elettrica Voltec con range extender

Le ruote anteriori di Opel Ampera sono sempre azionate elettricamente. Una batteria agli ioni di litio da 16 kWh alimenta l'unità elettrica avanzata da 111 kW/150 cv per fornire tra 40 e 80 km di autonomia puramente elettrica a emissioni zero, a seconda del terreno, dello stile di guida e della temperatura, quando completamente carica. Secondo i regolamenti per la misurazione del consumo di carburante e delle emissioni di CO2 in quel momento, Opel Ampera consumava 1,2 l/100 km ed emetteva 27 g/km di CO2 nel ciclo combinato secondo il metodo NEDC.

Su strada, il sistema di propulsione elettrica Voltec di Opel Ampera garantisce prestazioni vivaci. La coppia istantanea di 370 Nm consente un'accelerazione da zero a 100 km/h in circa nove secondi e una velocità massima di 161 km/h. Opel Ampera offre un'alimentazione a batteria silenziosa e prestazioni raffinate anche in modalità ad autonomia estesa.

Grazie all'intelligente e pratica capacità di estensione dell’autonomia di Opel Ampera, chi è alla guida si gode la tranquillità perché non resterà mai bloccato con la batteria scarica.

Oltre a un’autonomia a batteria a zero emissioni sufficiente a soddisfare le esigenze quotidiane della maggior parte dei clienti europei, Opel Ampera forniva anche un’autonomia di guida totale di oltre 500 chilometri grazie al suo motore termico che aumentava l’autonomia. Questo si occupava di generare energia elettrica senza soluzione di continuità quando la batteria raggiungeva il suo stato minimo di carica.

L'unità elettrica, situata sotto il cofano accanto al motore termico, consiste in un motore di trazione elettrico, un generatore/motore elettrico e un set di ingranaggi planetari che migliora l'efficienza complessiva riducendo la velocità di rotazione combinata dei motori elettrici. A differenza di un propulsore convenzionale, non c’è un cambio di velocità a marce.

Nella modalità extended-range, che si attiva ogni volta che la batteria ha raggiunto il suo stato minimo di carica, l'energia motrice viene erogata senza soluzione di continuità da un generatore all'unità elettrica. Il generatore è azionato da un motore termico ad alta efficienza da 1,4 litri, 63 kW/86 cv.

La maggior parte delle volte, il guidatore seleziona una delle due modalità di guida principali: Normale e Sport. La modalità “Sport” aumenta la sensibilità del pedale dell'acceleratore. Ci sono due modalità aggiuntive per le situazioni di guida speciali: la modalità “Montagna” assicura un'energia della batteria sufficiente per una guida prolungata sulle strade alpine. La modalità “Hold-charge” preserva la capacità energetica residua della batteria attivando il motore a benzina.

Il pacco batteria a forma di T, da 198 kg, 16 kWh è posizionato nel tunnel centrale del veicolo. Comprende 288 batterie agli ioni di litio, configurate per prestazioni e durata ottimali. Utilizza un sistema di gestione della temperatura e all'epoca era l'unico pacco batterie prodotto in serie che poteva essere riscaldato o raffreddato, una prima nel mercato.

Opel Ampera veniva consegnata con un cavo di ricarica lungo sei metri comodamente riposto nel bagagliaio. Utilizzando una presa 230V/6 o 10A, i proprietari potevano ricaricare completamente la batteria in circa nove o cinque ore rispettivamente e programmare il tempo di ricarica.

Design esterno ed interno: eleganza elettrizzante

Buon decimo compleanno Ampera, pioniere delle elettriche Opel Altrettanto rivoluzionario come il suo unico sistema di propulsione elettrica Voltec era il design accattivante di Opel Ampera. Lo stile elegante e aerodinamico incapsula una plancia che sostituisce quadranti e indicatori convenzionali con display a colori ad alta definizione e funzionalità touch.

La plancia riflette la natura innovativa del sistema di propulsione di Opel Ampera. Due schermi a colori interattivi ad alta definizione denotavano il carattere unico della vettura. A sostituire la strumentazione convenzionale di fronte al guidatore c’è il “driver information centre”, un display grafico riconfigurabile.

L’abitacolo offre tutto lo spazio, il comfort e la comodità che ci si aspetta da una moderna vettura compatta: la flessibilità delle cinque porte, spazio confortevole per quattro adulti e sedili ribaltabili per una capacità di carico di 310/1.005 litri.

Telaio perfetto per il piacere di guida, sviluppato per le esigenze europee

Ampera si comporta come una tipica Opel. Sviluppata dagli ingegneri Opel a Rüsselsheim, le caratteristiche del telaio sono state affinate per soddisfare le aspettative dei clienti più esigenti.

Le sospensioni anteriori sono realizzate con montanti McPherson, bracci inferiori in alluminio e boccole di guida idrauliche. Le sospensioni posteriori semi-indipendenti sono dotate di una barra di torsione che combina i vantaggi con un peso ridotto e un controllo costante della campanatura della ruota.

L'avanzato sistema di gestione del freno e della frizione massimizza l'energia recuperata durante la decelerazione. Consente la massima frenata rigenerativa attraverso il motore elettrico, ricarica la batteria in fase di decelerazione e coinvolge continuamente frizione e freno quando il pedale viene premuto più forte per un arresto più repentino.

Torna all'inizio